Seo Guru
    Benvenuto/a Guest

Cerca:

Catasto: in arrivo la riforma.

Scritto da: - Data: 23/02/2012 Ora: 10:08
Questo articolo è stato letto da 227 persone - (312 parole - 0 commenti)

Dopo le varie riforme del governo Monti che hanno colpito gran parte dei settori economici e professionali è il momento della riforma per il riordino del Catasto, preannunciata dal Presidente del Consiglio nella conferenza stampa dello scorso fine anno.

L’obiettivo della riforma è quello di rivedere i valori catastali e le conseguenti imposte sugli immobili. I valori catastali sui quali si calcolano le imposte sono stati infatti definiti nel 1992. Il gap tra il valore di mercato degli immobili rispetto al valore catastale ha raggiunto cifre enormi. Si calcola che in Italia il gap medio è di circa 267%, ovvero il valore di mercato delle case è più alto del 267% rispetto al valore catastale ed in alcune città come Palermo o Napoli il gap sale fino al 400%

Ad un adeguamento dei valori catastali deve però corrispondere una revisione delle aliquote, per evitare di raggiungere livelli di tassazione insostenibili. La manovra quindi non è per niente facile, bisogna rivedere sia gli imponibili sia le aliquote a invarianza di gettito. Inoltre bisognerà tenere in considerazione le differenze a livello nazionale. Ad esempio ai fini Imu la differenza media in Italia tra i valori catastali e quelli di mercato è del 128%, ma le cifre cambiano nelle diverse città, si parla del 70% a Milano, del 212% a Napoli e di valori catastali e di mercato che si eguagliano in alcune periferie.

L’obiettivo della riforma prevista per il riordino del catasto è quindi quello di riuscire ad identificare una procedura per adeguare i valori fiscali a quelli di mercato, ridistribuendo però i carichi tributari in maniera adeguata ed evitano una tassazione insostenibile per i contribuenti.







Autore:




 

13 utenti online