Seo Guru

Una lieve spruzzata di HTML 5

La sensazione soggettiva era quella di non aver mai smesso di lavorare intorno al sito in cui state leggendo questo post, anche se il calendario segna una data abbastanza precisa, se si volesse proprio ripercorrere la storia recente di questo dominio.

Era l’estate del 2009 quando mi accingevo a proporre un ampio restyling grafico e funzionale; si trattava di un cambio radicale, in quel caso.

Avevo cambiato diversi CMS. Stavolta invece si trattava solo di eliminare il vecchio template, dal momento che dal punto di vista dei contenuti e dell’infrastruttura software nulla è stato modificato nella sostanza.

Mentre invece il vecchio template aveva sinceramente stufato.

Old SeoGuru.it

:D

Molti hanno criticato nel corso degli anni, e a ragion veduta, le mille imperfezioni grafiche del vecchio layout.

L’accostamento dei colori, le proporzioni fra i vari elementi, la scarna formattazione grafica delle sidebar, dei testi, dei DIV che componevano il template.

Ora sembrerà strano vederlo scritto, ma il sottoscritto era ben consapevole dei limiti estetici e sostanziali del vecchio layout.

Non sono un grafico e tutto sommato ho un debolissimo senso estetico.

Quel template fra l’altro era nato con l’urgenza di disegnare un template che provasse a rendere omogenei, nella grafica se non nellla sostanza, CMS diversi tra loro.

Insomma, in quel momento non c’era stata – da parte mia – un’attenzione particolare per il look’n’feel del sito.

Anche perchè a sua volta il vecchio template era andato a sostituire un’impostazione grafica caotica e assolutamente deteriore.

Ecco quindi che ho proposto per 2 anni e mezzo un template decisamente ‘sgargiante’ nei colori; quasi fastidioso, direbbero i webdesigner meno tolleranti.

:D

Fortunatamente i seo che frequentano le directory di questo sito non si sono mai fermati all’apparenza estetica del dominio, ed hanno proseguito ad utilizzare il sito senza necessariamente fermarsi a guardare alla sua grafica.

In un momento di follia creativa, pertanto, ecco che in questo 2012 mi sono trovato a voler correggere, sia pure parzialmente, quei ‘peccati di gioventù’ che mi avevano portato a relizzare il precedente layout, dai colori fin troppo accesi e dalla grafica piatta.

Autarchia, esibizionismo e artigianato

Eppure c’è ancora qualcosa che va aggiunto a queste riflessioni.

Anche perchè qualcuno potrebbe dire che la nuova veste di SeoGuru.it continua ad avere il taglio impreciso e infantile del webdesigner in erba.

Anche oggi, dopo il cambio di layout.

E’ vero, è proprio così.

:)

Eppure ho pensato mille volte di rivolgermi – finalmente – ad un vero grafico per farmi consigliare ed aiutare.

Non mi mancavano certamente i contatti e/o le risorse.

Avrei potuto semplicemente rivolgermi a Claudia Sebastiani di CQ, mia collega ed amica che senza dubbio sarebbe stata pronta ad impegnarsi a fondo pur di farmi sostituire il vecchio layout.

Anche volendo evitare di appesantire ulteriormente il nostro carico di lavoro interno, viste le continue scadenze cui siamo sottoposti, avrei potuto invece rivolgermi a qualche amico con cui non lavoro direttamente.

Conosco dozzine di webdesigner esperti e capaci, sia chiaro.

Fra tanti, sono stato fortemente tentato diverse volte di chiedere alla bravissima Pikadilly di darmi una mano in un’impresa del genere.

Perchè trattandosi – in via prevalente – di allestire un template WordPress, lei è molto probabilmente quella che sarebbe stata capace di produrre qualcosa di veramente bello.

Ora al momento non so nemmeno se lei fa ancora consulenze del genere; anche se ci incrociamo molto sui social non le ho mai nemmeno chiesto una cosa del genere, per un misto di rispetto ed imbarazzo.

Il punto è che proprio perchè considero Claudia e Pikadilly due amiche, prima che due ottime webdesigners, non me la sono sentita di coinvolgerle in quello che per certi versi era un lavoroinfame.

Infame perchè in effetti non si trattava di lavorare solo intorno ad un singolo e semplice template WP.

Intanto perchè i template di WordPress di questo sito sono almeno tre, uno per ciascuna istanza del CMS e ciascuno con le sue particolarità e con i suoi layout.

Perchè chiaramente la directory ha esigenze diverse dal blog, mentre a sua volta il blog multiautore ha esigenze e impostazioni diverse rispetto al mio blog di sviluppo, questo in cui scrivo.

Ma anche perchè oltre a WordPress si trattava di adattare il nuovo template anche a MoonMoon e soprattutto al ‘macchinario’ che gestisce il circuito di AM, ArticleMS.

Insomma, non si trattava semplicemente di chiedere ad un amico grafico un template accettabile, era necessario lavorare tenendo in conto istanze e software diversi, si trattava di cambiare la veste a decine di migliaia di pagine, tenendo insieme il tutto.

Mi sembrava una richiesta impegnativa, in effetti. La paura di ‘deteriorare’ il rapporto con i miei contatti con una tal commessa ha prevalso sul buon senso, se volete.

:D

Ma non è solo questo il punto.

Il punto è che come seo – pur non avendo nessuna velleità grafica da esibire – non ho una buona considerazione dei colleghi che non si tengono allenati con il codice.

Mettere le mani nel codice html e php del sito è sempre una buona palestra per imparare cose nuove, e nessuno oltre al sottoscritto poteva tenere in conto delle diecimila cazzatine che andavano considerate nel corso del ‘trasloco’ nel nuovo template.

Ha prevalso, in buona sostanza, un sentimento autarchico incontrollabile, che è stato ancora una volta capace di farmi prescindere da ogni ragionamento assennato che pure avrebbe avuto ragion d’essere.

Intendo dire: se il presente nuovo layout fosse stato disegnato da un grafico probabilmente oggi il sito avrebbe più possibilità di ‘convertire’, cioè di vendere.

Il webdesign non è una cosa che si improvvisa: pertanto NON FATE QUESTO A CASA, come si dice, rivolgetevi ad un professionista per i vostri siti.

MA il mio non è un sito qualunque, come ne ho altri che pure si adatterebbero ad una logica più tradizionale (la grafica la fa il grafico, la seo la fa il seo).

SeoGuru.it è il mio laboratorio seo a cielo aperto, prima di essere una directory dove lavorano quotidianamente diverse centinaia di professionisti dal tutto il paese.

E in un laboratorio seo ogni riga di codice è responsabilità unica del seo che dirige i lavori, le urgenze grafiche sono e saranno sempre in secondo piano rispetto ad altri fattori che in questa sede interessano la maggior parte degli utenti.

Con buona pace dei webdesigner che in questi anni hanno storto la bocca – a ragion veduta – nel guardare il vecchio template, rosso-giallo-blu.

Ecco, il nuovo layout NON è BELLO, senza dubbio.

E’ solo appena più sobrio e curato. Non di meno tutti i miei sforzi sul foglio di stile CSS e sul nuovo codice html sono stati fatti pensando – almeno in parte – di riparare alle falle estetiche del dominio, e provare a tranquillizzare le decine di webdesigners che pure continueranno a ritenere scadente la grafica di questo sito.

:)

Il nuovo template è semplicemente MIGLIORE del precedente, tutto qui.

Spero che gli amici grafici, compresi quelli che hnno rischiato di esser coinvolti in prima persona, avranno la pazienza – se non altro – di apprezzare anche i miei sforzi in tal senso.

D’altra parte, sotto la veste grafica, c’è una revisione completa del codice html del sito.

Una lieve spruzzata di HTML 5 e CSS 3

Anche qui, si è lavorato senza estremismi.

C’è ancora tempo prima che l’HTML 5 diventi uno standard consolidato (si parla di estate 2014).

Però, se non ora, quando avremmo dovuto tentare un primo approccio con il nuovo standard e con la potenza del CSS 3?

Non ho utilizzato nulla di fantascientifico, sia chiaro.

Un paio di righe di comando per utilizzare i bordi arrotondati dei div e le sfumature.

Gli elementi principali del nuovo markup, solo gli elementi strutturali insomma.

Ad esempio l’alberatura del linking interno non utilizza le gerarchie previste dall’HTML 5.

Semplicemente perchè ho ritenuto prematuro applicare quel genere di marcatura prima che effettivamente fosse standardizzata in via formale – anche perchè non sono del tutto convinto delle proposte transitorie fatte fino a questo momento in materia di gerarchia dei link.

Invece ho testato gli elementi di base, come la divisione semantica delle componenti della pagina (sezioni,articoli, barre laterali).

Poi altre innovazioni recenti erano già state applicate qualche mese fa, come ad esempio i microformati sulle directory, per la generazione delle rich snippets di Google sulle recensioni votate dagli utenti/visitatori.

Insomma, si tratta solo di una lievissima infarinata di HTML 5 e CSS3, nulla di più pretenzioso.

Solo per iniziare a ragionarci e lavorarci dal vivo, iniziare a metterci le mani in prima persona.

NONOSTANTE i miei limiti come webdesigner, come coder e developer in generale, come grafico.

NONOSTANTE tutto, volevo provare a proporre una versione più aggiornata ma non meno artigianale del sito.

Spero che qualcuno – almeno tra quelli meno critici e più tolleranti – avrà la cortesia di apprezzare i miei sforzi, che sono comunque rivolti, sia pure goffamente, a migliorare l’esperienza dell’utente che si affaccia a questo sito per i motivi più vari, per lavoro, per informarsi, per caso.

Gli altri possono sempre insultarmi utilizzando il form di commenti qui sotto: sotto con le polemiche, se sono proprio necessarie.

:)

Per tutti vale la prassi in cui si chiede di segnalare imperfezioni o malfunzionamenti del nuovo template: sarebbe molto molto bello se qualcuno volesse dare il suo contributo con un minimo di betatesting, e senza stare a guardare troppo per il sottile.

Ad esempio, e lo dico fin da subito, è inutile che provate a fare duemila prove con le seicento versioni di browser esistenti sulla faccia della terra.

Ci sono quelli che leggono il CSS 3 e quelli che non lo fanno, è inutile che stiamo qui a discuterne.

E l’HTML 5 è ancora in fase di gestazione, è ancora in cantiere. Come questo sito, che come tutti i laboratori veramente attivi, è SEMPRE un cantiere a cielo aperto, una fucina di test, prove, sperimentazioni.

Il cambio del template è solo una cosa ‘molto visibile’ dall’esterno, più di altre, e quindi sentivo l’esigenza di spendere due righe qui sul blog proprio in quest’occasione.

Per il resto tutto cambia in continuazione, nulla rimane veramente statico, al di là delle apparenze.



Discussione

  •     Pikadilly   -  

    Ultimamente io non guardo più la grafica, ma i contenuti. Infatti i miei blog stanno pericolosamente invecchiando e per celare la comparsa delle prime rughe cerco di scrivere più boiate possibile. Insomma, se stordisco chi mi legge non si accorgerà del resto, no? ;)

    In ogni caso, sarà la vecchiaia (la mia), saranno i tempi sempre meno cortesi, sarà quel che sarà, ma ho notato come anche i clienti chiedono grafiche semplici, immediate, senza troppi panegirici, sicché penso che così vada più che bene. ;)

    Grazie per la citazione, per quello che hai scritto e per tutto il sostegno donatomi in questi anni. ;)

  •     Seo Guru   -  

    Grazie a te per l’amicizia!

    Sei una professionista brillante e una blogger divertente e originale.
    Ma soprattutto sei una persona squisita.

    :)

  •     Mattia   -  

    Per curiosità ho dato una veloce occhiata al codice. Volevo consigliarti di utilizzare questo codice:

    In questo modo includi HTML 5 Shiv solo per le versioni di Internet Explorer precedenti alla 9 (quelle successive supportano i tag di HTML 5).

  •     Seo Guru   -  

    Ciao Mattia e benvenuto.

    Hai assolutamente ragione, anche se il codice non si vede ho capito cosa consigli.
    Grazie.
    Temo che per pigrizia e arretrati pendenti sul lavoro non farò l’edit proprio immediatamente, ma lo tengo in lista per il prossimo turno di rifiniture, è una buona idea!!
    :)

Aggiungi un commento