Seo Guru

L’invasione dei social gadgets

Possiamo contemplare il concetto di pervasività bilaterale per descrivere il rapporto tra un publisher moderno ed aggiornato e i social network più disparati.

smile

Il primo, infatti, nel corso dell’allestimento della sua presenza online e della costruzione delle sue ‘reti’ e dei suoi contatti si sparge e si espande nel tessuto poliedrico e composito delle principali piattaforme di social networking; è anche vero che questi secondi, del resto, fanno letteralmente a gara per contendersi anche il più minuscolo triangolino rimasto libero nel blog o nel sito del suddetto publisher, in una rincorsa sorprendente di gadget e bottoncini che promettono sempre ‘le gioie’ dell’interconnesione e gli ‘auspici’ della socialità più 2.0 che ci sia.

Nell’era dello User Generated Content credo che ci sia poco da millantare, e mi sembra evidente che il vero protagonista del ‘lavoro di rete’ sia sempre lo stesso affaticatissimo publisher, che oltre a curare la sua pubblicazione deve tentare di seguire e inseguire le strade virali dei social media… ma d’altra parte se è vero che l’enfasi propagandistica sui ‘bottoncini’ e sui widget di interconnessione delle varie parrocchie resta pur sempre quello che è – e cioè uno squisito canale per attivare fome di marketing virale; questo sì virale, ma a favore dei social però… – è anche vero, d’altra parte, che alcuni di questi strumenti possono, tutto sommato, trovare un qualche spazio e una qualche virtuosa funzione nel nostro sito.

L’importante è non dire ‘si’ a tutti, non farsi prendere la mano dal badge più sciccoso solo per il suo layout smaltato e la sue animazioni in flash; insomma tentare anche di valutarlo per la sua effettiva funzione, considerare un minimo anche la piattaforma che ‘c’è dietro’ e le sue (eventuali) potenzialità in termini di notorietà-prestigio-traffico.
Tenere in conto, almeno in senso generale e con ampi margini di manovra, la possibilità di generare ed ottenere dei riscontri di qualche natura, da questi benedetti gadgets…

rollo

Personalmente avevo tutto lo spazio per sbizzarrirmi, avendo scelto di non mettere il blog nella root del dominio.
E pian pianino ho aggiunto javascript e javascript…

fun

Da MyBlogLog a Google Friend Connect

Al classico MyBlogRoll (che nasce come contatore di visite… ma che sostanzialmente è il connect per bloggers di Yahoo, sicuramente uno dei primi e non dei peggiori) è stato facile aggiungere il Google Friend Connect (di cui avevo già scritto).

Il primo serviva a rendere più animata la lapidaria grafica della home page, immortalando le facce e i loghi dei bloggers che nei mesi sono passati da quella pagina. Sfruttando i loro colori e le loro grafiche per ‘rendere viva’ una pagina che altrimenti difficilmente avrebbe dimostrato la sua reale vitalità.
Il secondo invece l’ho scelto per offrire un minimo di interazione, come la possibilità di scrivere due righe di commento o di postare un video da YouTube.

Soprattutto la funzionalità per il posting dei video mi è sembrata fin da subito molto buona; tutt’ora mi sembra una buona idea, e ogni volta che qualcuno usa il mio Google Friend Connect ne sono sinceramente compiaciuto.

Anche se sempre in ‘beta’ anche il Google Friend Connect dispone le belle faccine dei suoi iscritti all’interno del riquadro principale: ovviamente ho avuto buona cura di piazzarlo in alto nel mio layout, in bella vista sulla mia home page. A quel punto anche la mia semplice pagina statica mi sembrava meno ‘ferma’, almeno all’apparenza.

Ma lo era anche ‘in sostanza’, come ha testimoniato il widget sui flussi di traffico di Feedjit, anche lui tra i primissimi a trovare posto sulla mia pagina.
Ma visto che avevo messo l’utility per i video.. mi sono subito concesso un pezzettino di javascript in più per suonare gli mp3, firmato da Yahoo anche questa volta. Il Media Player che manda il mantra in streaming permanente…
rollo

Dal Twitter Badge fino alla Fan Box di FaceBook

Ho invece alla fine evitato il FaceBook Connect, perchè l’fbml invalida definitivamente il codice Xhtml e tutto sommato non mi sembrava indispensabile.

Molto più volentieri ho integrato il badge ufficiale di Twitter, personalizzandolo con i colori originali della homepage di SeoGuru.it.

smile

Tra ieri e oggi sono venute fuori un paio di piccole novità e quindi mi è venuta voglia di ripercorrere cronologicamente questa ‘progressiva invasione’ dei gadgets sulla mia homepage, se non altro per tenerne traccia, a futura memoria.
Le integrazioni-modifiche più recenti sono sostanzialmente due.

E’ stato rivisto profondamente il badge di Twitter: inalterato graficamente – ad esclusione dell’uccello posto in cima al riquadro – ora questo non è più l’originale pezzo di codice javascript fornito dal social, ma bensì una soluzione in php molto diffusa e facilmente customizzabile, il TwitterBadge di Kien Tran.
Volendo disporre anche di un contatore di followers ho optato anche qui per una soluzione artigianale, per non ricadere nell’ennesimo javascript altrimenti offerto da TwitterCounter. In pochi minuti ho quindi adattato la soluzione di Sick Brain al mio badge personalizzato per Twitter, che ora dispone anche del counter che aggiorna – più o meno in tempo reale – il numero dei miei followers.

La differenza sostanziale rispetto al badge precedente, al di là del vezzo del counter, è che ORA i testi e i link contenuti nel badge vengono letti dai search engines, mentre prima l’intero riquadro gestito in javascript risultava un cono d’ombra muto nel corso delle scansioni periodiche dei crawler.

Quindi potrei quasi pensare che da ora in poi le twittate contribuiranno ‘anche direttamente’ a fornire ‘vero’ contenuto alla homepage del mio sito (anche se le twittate che scorrono in home non vengono naturalmente archiviate in alcun database. Mentre invece lo sono quando vengono riprese dal mio lifestream personale, alloggiato in un sottodominio indipendente).

La seconda è invece una vera ‘new entry’ tra le varie cazzatine installate sulla mia homepage. Si tratta della fan-box collegata alla pagina-fan di Seo Guru su FaceBook.

fun

Ieri sera ne avevo letto l’annuncio sul blog dell’aggiornatissima Catepol, e stamattina… ho ceduto all’ennessimo giochetto di FaceBook.

Sapevo che evitarsi il Connect non mi avrebbe vaccinato dalla pervasività di FB e pare proprio che questo badge abbia prevalso sulla mia consueta pigrizia, imponendo un ennesimo riarrangiamento della homepage.

fun

Un altro gadget, altre facce.
In bella vista sulla homepage, proprio sotto al Connect di zio Google.
Trovarsi un posto ad alta visibilità in una non-pessima ‘vetrina’ per markettari non è mai stato più semplice di così, forse.
Siete tutti invitati a fare i ‘guru’.

fun

Io metto la pagina e FaceBook il gadget. Voi metteteci la faccia.

ciao

Torna all’indice del corso online sul social media marketing.

like



Discussione

  •     BlogMasterPg   -  

    Auguri per il nuovo pc, O.S. e quant’altro; io l’ho dovuto ricomperare un mese fa, un fulmine mi aveva ‘bruciato’ tutto, modem compreso!!! Ho fatto naturalmente anche un’articoletto su quello che ho preso ha 800mghz e 2 gb abbondanti, quasi 3 e vista, che poi tutto questo negativo vista non ce l’ha mica, io me la sono cavata con 500 euro, lo schermo, guarda caso l’avevo comperato il mese prima tipo ‘cinema’… 24 pollici, se non ricodo male, credo… boh… però è grandicello sul serio, un Acer e pc HP.

  •     Seo Guru   -  

    Ciao caro e grazie per gli auguri, sono veramente ben accetti. Che combinazione…. anch’io me la sono ‘cavata’ con 500 euro!! Schermo escluso, però. Diciamo che la RAM l’ho presa ‘in crescita’, per evitare precoci invecchiamenti… siamo a 4 Giga. Il mio schermo è ‘piccolo’, 19 pollici…. ma, insomma, rispetto a prima – portatile da 15,4 pollici – sono comunque un ‘signore’.
    😀
    Acer è ottimo; il mio portatile ha 4 anni e ancora funziona alla perfezione.
    Questo nuovo ‘fisso’ è una configurazione combinata di marche comprata a prezzo d’occasione: giusto la scheda video è lievemente più ‘piccolina’ di quella che avrei voluto inizialmente.. ma d’altra parte non ho neanche tanto tempo per giocarci col pc, ormai.

    Guarda BlogMaster: Vista non è necessariamente peggio del tradizionale XP…. ma sicuramente non è migliore. 😀

    Per il momento – e ti ripeto, sono in piena ‘prima configurazione’ – lo trovo tortuoso, esattamente come tutti i prodotti Windows.

    Considera che il mio fornitore ha insistito per regalarmelo il S.O., anche se io l’avrei pure pagato volentieri.
    Ovviamente si tratta di uno sconto – software originale e niente crack!!

    L’ho preso da Geb Computer – http://www.informaticag.it/ – un negozio vicino casa mia, sulla Tuscolana.

  •     Seo Guru   -  

    😛

    Ho aggiunta anche la toolbar di Wibiya [ http://www.wibiya.com/ ] che va tanto di moda…

    😀

    Se non altro da un tocco di colore e si può adattare a quasi tutte le parti del sito… che dite? Meglio toglierla?

Aggiungi un commento